Abbiamo conosciuto Matteo Cattini, e stupiti dalla sua storia gli abbiamo chiesto di raccontarla per il nostro blog. Sono queste le "not ordinary stories" che amiamo, fatte di perseveranza, determinazione e passione.

 

Mi chiamo Matteo Cattini e come potete vedere, oltre a essere una Not Ordinary Mind, sono anche un Not Ordinary Body🦿Questo perché il 2 giugno del 2008, in sella alla mia Yamaha R6, ho avuto un brutto incidente che mi ha portato via tante cose tra cui anche la mia gamba sinistra, ma sicuramente non la voglia di vivere al massimo. Una volta uscito dall’ospedale quindi, dove ho passato più 8 mesi con diagnosi sempre diverse e sempre più sconfortanti, ho deciso di rialzarmi in qualche modo. Con il tempo, ho riversato la mia passione per i motori, che comunque è rimasta intatta, verso lo sport.

Non è andata male 😎 Oggi sono capitano ed atleta della nazionale italiana di Pesistica Paralimpica, 9 volte campione italiano, 1 argento e 2 bronzi in Coppa del Mondo, ho partecipato alle Paralimpiadi di Rio 2016 e ora sono nel ranking per Tokyo 2020 in programma quest’anno a settembre. Oltre a questo, amo viaggiare e non mi pongo nessun limite, nemmeno quelli che potrebbe impormi la mia disabilità. Anche il più nefasto degli eventi può nascondere dei risvolti incredibili, ma per trovarli dobbiamo metterci tutto quello che abbiamo e anche di più. Insisti 💪🏻 Resisti , Conquista 🏆

 

qui il suo profilo instagram

https://www.instagram.com/matteo_cattini/


Leave a comment